Home
Ricerca
Contattaci
Help
DigitaMI: la biblioteca digitale di Milano
Presentazione
Ultime novità
Percorsi
Categorie
Tutte le opere

:: Della presente condizione delle donne e del loro avvenire / Cristina Belgiojoso
Autore: Belgioioso, Cristina <principessa di> | Editore:
Lingua: ita | Data: 1866 | Luogo: | Tipologia: Testo a stampa | Tipo: Titolo analitico


|< inizio
<< indietro veloce
< precedente
avanti veloce >>
Pagina:

Ho sempre rifuggito dal ragionare dei diritti e dei doveri delle donne nella moderna società, e perchè sono convinta che una donna trattando cotal quistione non è mai reputata imparziale e disinteressata, è più ancora perchè il cangiare la condizione odierna delle donne presenta difficoltà tali, tali pericoli e danni, che non so qual possa essere a questi adeguato compenso.
Oggi però, eccitata da persone autorevoli, (e ch' io rispetto), ad esporre il mio modo di vedere in sì fatta materia , mi risolvo a vincere ogni mia titubanza, ed a confessare candidamente ciò che mi sembra militare si in favore come in opposizione ad una riforma radicale nella condizione delle donne.
Che la donna non sia nè moralmente nè intellettualmente inferiore all' uomo, se non per l'azione esercitata dal fisico sul morale e sull'intelletto, o ancora per gli effetti della educazione, è cosa omai generalmente riconosciuta ed ammessa. Ma alcuni si maravigliano però che, a malgrado di tale uguaglianza tra la parte spirituale della donna e quella dell' uomo , la donna sia sempre rimasta e rimanga tuttora in una condizione sociale così inferiore a quella dell' uomo.
Fa mestieri ricordare che la società moderna proviene dall' antica, e che l' abito di ricorrere a principii filosofici e morali per isciogliere ogni quesito sociale è cosa del tutto nuova. Per lo passato, ognuno si sforzava di fare ciò che sembrava utile a sè stesso o ad altrui, senza molto curarsi di teorie e di principii astratti ed assoluti. Oggi invece si vogliono applicare principii

|< inizio
<< indietro veloce
< precedente
avanti veloce >>
Pagina:

Cerca nel testo dell'opera: